Il consolato

Dr. Giorgio Taborri
Tel. +49 511 / 283790
E-Mail

Visit Hannover in your language

English Nederlands Francais Espagnol italiano portuguese norwegian japanese svenska polski russian chinese dansk korean turkish eesti arabic suomi

Personale qualificato

Online Shop

Press Area

Eine Szene aus der Altstadt. © TMN

Case a graticcio nella città vecchia con la Marktkirche  

Attrazione turistica

La città vecchia

Case a graticcio, musei interessanti e angoli incantevoli nel centro storico di Hannover.

Negli anni precedenti la Seconda Guerra Mondiale la città vecchia, con i suoi vicoli stretti e le numerose case a graticcio di epoca medievale, occupava una vasta area nel centro cittadino. Molte persone povere vivevano qui in condizioni precarie. Gli abitanti di Hannover si tenevano a distanza da questa zona, poiché la ritenevano pericolosa e in mano alla malavita. Il valore storico degli antichi edifici attirava l’interesse di pochi.

La città vecchia di Hannover si estendeva dalla porta Steintor alla piazza Aegidientorplatz. Oggi essa è riconoscibile solo grazie alla sua forma ellittica. Le sue strade principali, come la Osterstrasse, la Schmiedestrasse, la Knochenhauerstrasse, la Burgstrasse e la Leinestrasse, sono collegate tra loro da numerosi vicoli e si ricongiungono presso le porte antiche, come era usuale nelle città mercantili tedesche del Medioevo.

I raid aerei della Seconda Guerra Mondiale la rasero quasi completamente al suolo. Rimasero quaranta case a graticcio, dodici delle quali ubicate nelle vie Knochenhauerstrasse, Kramerstrasse e Burgstrasse. Durante la ricostruzione della città intere sezioni di questi edifici, soprattutto le facciate, furono trasferite e concentrate in quest’area. Esse formano oggi una “nuova città vecchia” nella parte più antica di Hannover. La casa a graticcio più antica e pittoresca si trova nel tratto superiore della Burgstrasse, circondata da edifici nuovi. La sua facciata rinascimentale risale al 1566, mentre il retro fu costruito in epoca ancora anteriore.

Nei suoi pressi si trova la chiesa più antica di Hannover, la Kreuzkirche, costruita nel 1333 e posta ora anch’essa vicino a nuovi edifici. L’interno è stato distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale. L’altare, progettato da Lucas Cranach il Vecchio, proviene da una chiesa di Einbeck. La cappella Duve, adiacente alla Kreuzkirche, è stata costruita nel 1655 e contiene la tomba di famiglia dei Duve, una ricca famiglia di mercanti. Il suo membro più famoso era Johann Duve, conosciuto per la sua generosità.

Seguendo la Kreuzstrasse si giunge alla piazza Ballhofplatz. La Ballhof (“Sala da ballo”), costruita dal 1649 al 1664, era una sala sportiva, pensata per ospitare partite al chiuso. Fu utilizzata in seguito come sala assembleare e divenne infine un teatro. La piazza Ballhofplatz fu costruita solo negli anni Trenta, in seguito alla demolizione di molti vecchi edifici durante un processo di risanamento.

Di fronte al Museo cittadino, eretto negli anni Sessanta in uno stile stravagante, si trova la casa ricostruita di Leibniz (“Leibnizhaus”), un tempo un famoso edificio in pietra arenaria decorata. Costruita originariamente nella Osterstrasse nel 1499, fu restaurata nel 1652 e abitata dal famoso filosofo Leibniz a partire dal 1676. Venne distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale. La ricostruzione della sua facciata si è basata su fotografie e reperti. Dietro la facciata, l’edificio è interamente nuovo e viene utilizzato come campus universitario.

Il castello sul fiume Leine, oggi sede del parlamento del governo della Bassa Sassonia, risale al XII secolo. Era in origine un convento francescano, la cui congregazione fu dissolta nel 1553. Quando il duca di Calenberg trasferì la sua residenza ad Hannover nel 1636, parti dell’edificio furono ridecorate. Nel XIX secolo, quando Hannover divenne un regno, l’intero castello sul Leine venne ricostruito dal famoso architetto di Hannover Laves, che fece erigere anche il portico con sei colonne corinzie. Nel 1943 il castello sul Leine venne distrutto quasi completamente da un incendio. Rimase intatto solo il portico. Durante la sua ricostruzione venne aggiunta la sala assembleare moderna.